Toscana 2020

Inizia da Firenze il cammino del nuovo Piano strategico del turismo della Regione Toscana che ha chiamato a raccoltaal Palaffari oltre 150 tra rappresentanti dei territori e delle associazioni di categoria per l'incontro-dibattito 'Destinazione Toscana 2020'.

"Oggi - ha detto in apertura dei lavori l'assessore regionale al Turismo, Stefano Ciuoffo - cominciamo a scrivere il futuro del turismo nella nostra regione. Il nostro obiettivo è quello di contuibuire a mantenere la destinazione Toscana in cima alle mete più desiderate al mondo e promuovere uno sviluppo turistico che sia sostenibilie, responsabile e accessibile. Ma soprattutto diffuso su tutto il territorio e rispettoso del nostro patrimonio e della nostra identità".

"Mettere in discussione la nostra identità - ha aggiungo Ciuoffo - significherebbe mettere in discussione quello che è uno degli elementi di maggior attrattività della Toscana".

"Per far ciò - ha concluso - è fondamentale saper innovare la nostra offerta così da essere in grado di intercettare i nuovi trend internazionali e di puntare ad un turismo di qualità. Il tutto per accrescere la competitività dell'industria turistica toscana ed aumentare la sua ricaduta economica su tutto il territorio regionale".

Questi gli assi portanti che hanno guidato la discussione di oggi al Palaffari di Firenze, dove i 150 partecipanti dell'evento organizzato da Toscana Promozione Turistica si sono confrontati sulla nuova organizzazione turistica regionale e sul sistema di promozione, sulle motivazioni del viaggiatore e sull'offerta turistica di destinazione. Ma anche sull'accoglienza, che deve essere un segno distintivo della Toscana, e su come si comunica l'identità di un territorio anche in termini di qualità dei contenuti e di comunicazione digitale.

Un tema, quest'ultimo, che apre la strada ad "Ecosistemi Digitali", l'incontro che si terrà il 2 dicembre prossimo alla Fortezza da Basso e durante il quale di discuterà sulle priorità nelle strategie di digitalizzazione della destinazione Italia organizzato dalla Toscana insieme alla Conferenza delle Regioni, Mise e Mibact.